Cosa vuol dire vivere Mindfulness

Cosa vuol dire vivere Mindfulness? La Consapevolezza è la capacità umana universale  di prestare attenzione in modo peculiare e lucido nel momento presente. Tale capacità va esercitata e sviluppata costantemente, senza darla mai per scontata. Ciò aiuterà prima a mettere a fuoco la mente, successivamente ad osservare il modo in cui essa lavora e infine liberarsi dagli schemi abitudinari che creano disagi e sofferenza.

L’attenzione per il momento presente rende coscienti del fatto che la vita non è altro che un susseguirsi di momenti. Ma se in questi momenti non si è pienamente presenti ci si può lasciar sfuggire la ricchezza e la profondità della propria vita.

Le nostre giornate sono piene di azioni fatte sotto l’impulso di pensieri ricorrenti e schemi di comportamento abitudinari che ci travolgono e ci portano in una direzione che non vogliamo.

vivere mindfulness

Vivere Mindfulness vuol dire imparare a svincolarsi dalla forza di questi pensieri, per capirli e sfruttare la loro energia, piuttosto che venirne risucchiati.

Tutto questo però richiede lo sforzo di coltivare la capacità di vivere il presente.

E’ così che nasce la Consapevolezza.

Tuttavia bisogna costantemente ricordarsi di essere vigili e presenti perché facilmente si ritorna alla disattenzione facendosi guidare dal pilota automatico.

Ciò succede soprattutto quando quello che troviamo nel presente non ci piace e vorremmo cambiarlo. In questo modo, la mente fugge da ciò che non vuole. Il fuggire però non migliorerà la situazione e soprattutto non ci permetterà di andare dove realmente vogliamo.

Quando iniziamo ad esercitarci per migliorare la nostra consapevolezza, ci rendiamo conto di come la mente abbia una vita tutta sua, un flusso continuo di pensieri, opinioni, storie che si racconta, fantasie, preoccupazioni. 

Tutto questo generalmente passa inosservato fino a quando non ci fermiamo nel momento presente.

Ma come possiamo fermarci? Per sviluppare la consapevolezza la tecnica più semplice consiste nello scegliere un oggetto, concentrarsi su esso e riportarvi l’attenzione ogni volta che la mente divaga. Può sembrare una cosa molto semplice, ma in realtà è estremamente difficile, perché la mente tenderà subito a distogliere l’attenzione e a portarti inconsapevolmente altrove, indipendentemente da quanto impegno tu ci metta.

pratica formale e informale

La Mindfulness si basa principalmente su due tipi di pratiche: la Pratica Formale e la Pratica Informale.

La Pratica Formale usa varie tecniche di meditazione. Puoi trovare maggiori dettagli nella sezione Meditazione.

La Pratica Informale invece consiste nell’estendere la pratica ad ogni aspetto della giornata, ossia nel far diventare ogni attività quotidiana un oggetto di osservazione.

In questo modo nel tempo, si arriva a non avere più una demarcazione netta tra pratica formale e informale, ma si vive in uno stato di piena lucidità e concentrazione, ossia di piena Consapevolezza.

4 pensieri riguardo “Cosa vuol dire vivere Mindfulness

    1. Ciao. E’ una cosa che, secondo me non si impara mai abbastanza. E’ così facile lasciarsi trascinare dall’inconsapevolezza. Io ci lavoro ogni giorno eppure qualche scivolone mi capita. L’importante però è rialzarsi sempre.😅😅

Rispondi